Moody’s: Giappone, crisi fiscale non imminente

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Dopo il disastroso terremoto e tsunami che hanno colpito venerdì scorso il Giappone non esistono ancora segnali di “imminente crisi fiscale” nel Paese del Sol levante. E’ questa l’opinione di Tom Byrne, analista di Moody’s. “Le conseguenze economiche appaiono maggiori rispetto a quanto originariamente stimano venerdì”, rimarca il broker aggiungendo tuttavia che “l’economia nipponica da 6 trilioni di dollari sarà in grado di riassorbire lo shock del terremoto nel tempo”.