1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Moody’s continua ad attaccare la Periferia europea, oggi è il turno del Portogallo

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Dopo aver avvertito la Spagna e aver tagliato drasticamente il rating di Dublino, oggi è il turno del Portogallo. Moody’s ha messo sotto osservazione per un possibile declassamento il rating A1 di lungo termine di Lisbona e il rating Prime-1 di breve termine. La decisione dell’agenzia riflette le incertezze sul dinamismo economico del Paese e sulla sua abilità di accedere al mercato dei capitali a prezzi sostenibili. Moody’s ha aggiunto che il rating portoghese potrebbe subire un taglio di uno o due gradini (notch). “Nella nostra opinione la solvibilità del Portogallo non è in questione”, dichiara il vice presidente di Moody’s, Anthony Thomas, “ma il deterioramento del debito nel medio termine e le difficoltà a resistere al consolidamento fiscale non permetteranno al Paese di mantenere ancora per molto il rating A1”.


Ma è l’intera Periferia del Vecchio Continente ad essere sotto la lente di Moody’s. Ieri l’agenzia ha tagliato il rating delle principali banche irlandesi dopo che venerdì scorso aveva declassato il debito sovrano di Dublino di ben cinque gradini, portandolo a Baa1 dal precedente Aa2. La decisione dell’agenzia di valutazione è stata presa in scia ai problemi del sistema bancario irlandese, alla crescente incertezza sul futuro economico e al calo della solidità del Governo. L’agenzia ha spiegato come l´intervento, che ha assegnato un outlook negativo sul debito sovrano irlandese, fosse in linea con la valutazione proposta lo scorso 22 novembre, in cui si preannunciava la possibilità di un taglio di più livelli, che tuttavia avrebbe lasciato il rating dell’Irlanda nella categoria “investment grade”.

Con Portogallo e Irlanda non poteva mancare la Spagna. Moody’s, infatti, ha messo sotto osservazione i rating di 30 banche locali spagnole per un possibile downgrade dopo aver posto in creditwatch negativo il debito di Madrid. Ma ieri la speculazione si è spostata dalla Periferia per colpire un bersaglio più grosso: la Francia. Indiscrezioni circolate nelle sale operative parlavano di un possibile downgrade del debito transalpino, che avrebbe così perso la tripla A. Le voci del declassamento di Parigi hanno così spinto i Cds di Parigi al record storico di 108 punti base.