1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Montezemolo: “Non si può pensare di risanare i conti pubblici aumentando le tasse alle imprese”

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

“La manovra correttiva è inevitabile, ma le imprese hanno già dato”. Non usa nessun giro di parole il presidente di Confindustria, Luca Cordero di
Montezemolo, che dal palco dell’assemblea di Assolombarba dà la sua ricetta
e manda chiari messaggi al governo: “Ora serve risanare in modo strutturale
la finanza pubblica, tagliando le spese e combattendo l’evasione”. Ad
ascoltarlo, in platea, c’erano il sottosegretario alla Presidenza del
Consiglio Enrico Letta e il ministro dello Sviluppo Economico Pierlugi
Bersani, accolti bene dagli industriali lombardi. Il leader degli
industriali è deciso e ha continuato: “La ripresa c’è. Si vede”. Il compito
del governo è quello di stimolarla rimettendo in carreggiata il Paese.
Questo potrebbe essere possibile con “un piano di risanamento strutturale
dei conti pubblici, centrato su tagli coraggiosi della spesa corrente”. E
poi combattendo l’evasione, che vale “200 miliardi di euro per ogni
esercizio, il 15% del Pil”. Montezemolo punta il dito soprattutto verso i
lavoratori autonomi: “E’ inaccettabile – ha detto – che il 40% dichairi
redditi pari alla metà di un metalmeccanico”. Prima di parlare di
inasprimento fiscale il governo dovrebbe agire su di loro.