1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Il mondo guarda l’America, riflettori su elezioni mid term e meeting Fed -2-

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Tutti fattori che hanno portato alla ribalta le posizioni più estremiste in entrambi i partiti, mentre il consenso verso Obama è sceso in maniera sensibile al 45% dal 54% di un anno fa. Il presidente in questi due anni non è però rimasto con le mani in mano: ha varato nel febbraio 2009 un maxi pacchetto di stimolo anticrisi da 800 miliardi di dollari ed ha approvato due riforme da lui fortemente volute: la riforma sanitaria e quella di Wall Street. Le scelte di Obama hanno però scatenato dure polemiche sia all’interno dei democratici sia nel Grand Old Party: i primi volevano un’azione più incisiva da parte del presidente, come più volte sottolineato da Paul Krugman (premio Nobel 2009), mentre i repubblicani hanno contestato l’eccessivo “statalismo” della politica obamiana.

Lasciando le elezioni di mid term, l’attenzione degli operatori è inoltre focalizzata sul meeting della Federal Reserve, che si concluderà domani, da cui dovrebbe uscire il nuovo piano di quantitative easing. Le ultime aspettative degli investitori, alimentate da un recente articolo del Wall Street Journal, parlano di un piano di poche centinaia di miliardi di dollari. “Su questo punto permangono diverse opinioni”, affermano gli economisti di Mps Capital Services, “anche se il consensus punta all’annuncio di un piano di acquisti per complessivi 500 miliardi di dollari nei prossimi 6 mesi”.