1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Mkt azionario Usa degli ultimi 6 mesi sotto la lente di Union investment

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Come spiega l’ufficio studi di Union investment, la crisi dei mutui e la paura della recessione che avanza negli Stati Uniti sono stati ancora una volta il fattore determinante per l’andamento dei mercati azionari internazionali negli ultimi sei mesi. Focalizzando l’attenzione sugli States, “nei sei mesi presi in esame, i mercati finanziari americani hanno dovuto far fronte a diversi fattori negativi, tra cui soprattutto le ripercussioni della crisi dei mutui ad alto rischio e dei timori di recessione”. Citigroup e Merrill Lynch, due dei nomi più famosi del mondo bancario a stelle e strisce, sono stati costretti ad ammettere perdite molto pesanti collegate ai mutui subprime. Ma non ci si è fermati qui: Bear Stearns, la quinta maggior banca d’investimento americana, è finita in difficoltà talmente grosse che ha dovuto essere forzatamente ceduta. Sul fronte finanziario poi sono andati crescendo i timori di un’incombente recessione. La Federal Reserve ha operato numerosi tagli del tasso di sconto arrivando a scendere di 250 punti base e toccando l’attuale livello del 2,25% e si è anche vista costretta a immettere liquidità sul mercato finanziario. “In questo panorama generale – affermano da Union investment – il dollaro è finito sotto forte pressione, specie nei confronti dell’euro. Il Dow Jones industrial average ha chiuso a 12.263 punti, che equivale a una caduta di quasi il 12% nei sei mesi presi in esame, ma , vista la debolezza del dollaro, al momento la perdita equivale a quasi il 21% nei confronti dell’andamento della moneta europea”.