1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Valute e materie prime ›› 

Minerari: i favoriti di Credit Suisse sono Xstrata, Rio Tinto e Anglo American

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

I big europei dei metalli finiscono sotto la lente di ingrandimento di Credit Suisse, che conferma la sua visione rialzista su quelli legati al ferro. “A seguito dei recenti annunci sui contratti di ferro e carbone, rimaniamo rialzisti sul ferro e ci aspettiamo che il mercato continui a essere robusto nel 2010”, dichiarano gli analisti nella nota diffusa oggi. Il broker svizzero è infatti convinto che a questo livello di ripresa economica sia troppo presto per vedere il picco nel ciclo degli utili del settore minerario, nonostante abbia rimbalzato in modo deciso dai minimi del 2009. Chi dunque volesse puntare sul comparto, la banca d’affari elvetica consiglia Xstrata, Rio Tinto e Anglo American. Queste tre storie si confermano i “top picks” di Credit Suisse. In particolare, “Rio Tinto beneficerà dall’esposizione del mercato del ferro nei prossimi sei mesi”, mentre gli altri due “rimangono i player preferiti di lungo periodo”. Secondo le stime del broker, gli attuali prezzi spot suggeriscono un aumento a livello di utili nel 2010 di circa il 20%.

Commenti dei Lettori
News Correlate
COMMODITY

Oro: quotazioni ai massimi da quasi un mese, analisti ottimisti

Dopo due sedute di guadagni, parità per le quotazioni dell’oro a 1.270,1 dollari l’oncia. Venerdì i prezzi si sono spinti fino a 1.272,7 dollari facendo segnare il livello maggiore da inizio mese, in scia della tensione in arrivo dal fronte geopoliti…

VALUTE

Sud Africa: Zuma evita voto sfiducia, ma rischio politico pesa sul rand

Giornate convulse in Sud Africa con il presidente Jacob Zuma sotto attacco con alcuni membri dell’ANC (African National Congress) che hanno cercato di forzare le dimissioni preparando una mozione di sfiducia. Il comitato esecutivo dell’ANP alla fine …

COMMODITY

Petrolio in calo: Wti viaggia sotto 50 dollari

Quotazioni del petrolio in calo in avvio di settimana. In questo momento il Wti lascia sul terreno circa lo 0,3% a 49,65 dollari al barile, mentre il Brent cede lo 0,27% a 52,37 dollari al barile. Nel meeting di giovedì scorso l’Opec ha annunciato l’…