Milano maglia rosa d'Europa, bene Enel e il comparto bancario -1-

Inviato da Alberto Bolis il Mer, 19/01/2011 - 17:42
La Borsa di Milano ha chiuso la seduta in territorio positivo nonostante i ribassi dei principali listini del Vecchio Continente e il debole andamento di Wall Street. A deprimere gli indici americani i conti di Goldman Sachs, che nel quarto trimestre 2010 hanno mostrato un utile in netta flessione rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, e il dato delle nuove costruzioni abitative di dicembre, scese a 529 mila contro attese che indicavano 550 mila. Nel frattempo Angela Merkel ha dichiarato che la Germania farà tutto il necessario per garantire la stabilità dell'euro, mentre Moody's ha assegnato la tripla A alla prima emissione del Fondo salva Stati che dovrebbe partire la prossima settimana. In questo quadro a Piazza Affari il Ftse Mib ha guadagnato lo 0,56% a 21.712 punti, mentre il Ftse All Share è avanzato dello 0,52% a quota 22.374.

Sono stati i titoli delle banche a sostenere il paniere principale di Piazza Affari. La Popolare di Milano ha svettato con un +5,18% a 3,04 euro, beneficiando della promozione degli analisti di Deutsche Bank. Il broker in un report uscito oggi e raccolto da questa testata ha alzato la valutazione sull'istituto di Piazza Meda, consigliandone l'acquisto fino a 4,3 euro. "Non vediamo necessità di un aumento di capitale nel breve termine", si legge nella nota. "Il mercato sembra però stia scontando questo evento senza fattorizzare il potenziale miglioramento degli utili di Bpm sulla normalizzazione dei ricavi e degli accantonamenti". In positivo anche Unicredit (+3% a 1,78 euro), Mediobanca (+2,50% a 7,38 euro), Monte dei Paschi (+1,23% a 0,902 euro), Ubi Banca (+1,19% a 7,21 euro), Banco Popolare (+1,76% a 2,46 euro), Intesa SanPaolo (+0,33% a 2,29 euro).
COMMENTA LA NOTIZIA