Milano inizia male la settimana, ancora ko Intesa SanPaolo

Inviato da Redazione il Lun, 22/03/2010 - 17:50
Quotazione: INTESA SAN PAOLO
Quotazione: UBI BANCA
Inizio di settimana negativo per la Borsa di Milano con l'attenzione degli operatori rivolta ancora alla Grecia, la cui situazione sarà al vaglio del vertice di Bruxelles di giovedì e venerdì. Dopo un avvio in forte rosso, Piazza Affari ha ridotto le perdite sulla scia del buon andamento di Wall Street dopo il via libera della Camera alla riforma sanitaria degli Stati Uniti. Il Ftse Mib ha ceduto lo 0,28% a 22.622 punti, l'All Share lo 0,25% a quota 23.121.

Intesa Sanpaolo ancora in calo dopo i conti diffusi venerdì. Il titolo, che aveva ceduto il 2,41% nell'ultima seduta, è arretrato dell'1,23% a 2,80 euro. Sulla base dei conti 2009, oggi sono usciti diversi report da parte delle banche d'affari che hanno mostrato giudizi in parte contrastanti sui risultati. Deutsche Bank ha confermato il giudizio buy con prezzo obiettivo a 4 euro e anche Jp Morgan ha ribadito la valutazione overweight con target price a 3,8 euro. Più cauti i giudizi di Exane Bnp Paribas che ha ridotto il prezzo obiettivo dell'8% a 3,7 euro e di Credit Suisse che ha rivisto la sua stima da 3,5 a 3,4 euro.

Ubi è scattata dopo i risultati 2009 segnando un +1,66% a 10,09 euro. Per la quinta banca italiana, lo scorso anno si è chiuso con un utile netto di 270,1 milioni in forte crescita rispetto ai 69 milioni del 2008 e sopra alle attese degli analisti. Il Cda ha quindi deciso di proporre la distribuzione di un dividendo di 0,3 euro per azione. La banca ha confermato la solidità patrimoniale con un Core tier 1 al 7,43% e un Tier 1 al 7,96%. Il risultato della gestione operativa ha evidenziato una contrazione del 5,9% a 1,4 miliardi con proventi operativi in flessione del 4,5% a 3,9 miliardi e oneri operativi in calo del 5%. Il margine di interesse è calato del 14,6% a 2,4 miliardi a causa soprattutto della riduzione dei tassi mentre le commissioni nette si sono ridotte del 10,7% a 1,2 miliardi.
COMMENTA LA NOTIZIA