Milano guida i guadagni in Europa, Cina vuole discutere diversificazione riserve -2

Inviato da Micaela Osella il Gio, 06/01/2011 - 12:53
Entrando nel dettaglio, la crescita di novembre è stata causata da un aumento dell'8,2% degli ordinativi esteri, guidato dalla domanda da parte dei clienti al di fuori della zona euro. La domanda estera da Paese esterni all'unione valutaria è balzata del 14,8%, mentre gli ordini per le merci all'interno della zona euro è sceso 1,4% rispetto al mese precedente. Gli ordini domestici sono aumentati dell'1,5%. Gli ordini per beni di investimento sono saliti del 9,1%, mostrando il più forte aumento complessivo. La domanda di prodotti di consumo, nel frattempo, è scesa dal 1,6% da ottobre. Su un anno, gli ordini sono saliti del 21,7% non depurato a novembre, dopo un aumento annuo del 14,2% in ottobre. Mentre rimbalza la notizia che la Cina è pronta a discutere con l'Europa la diversificazione delle riserve in valuta nternazionale e la formazione di un sistema stabile di moneta di riserva in cui l'offerta e la quantità totale sono ordinate e controllabili. Lo riporta l'agenzia di stampa Xinhua, citando il vice governatore della Banca del Popolo di Cina (Pboc), Gang Yi. La Cina adotterà una politica monetaria prudente per consentire alle condizioni monetarie di tornare a livelli normali, ha dichiarato Yi in Spagna, dove si è recato col vice premier cinese Li Keqiang.
COMMENTA LA NOTIZIA