Milano chiude sotto la parità, limita i danni grazie a comparto finanziario -2-

Inviato da Redazione il Mar, 19/10/2010 - 17:46
Quotazione: ENI
Quotazione: FONDIARIA-SAI
Quotazione: FCA CHRYSLER
FonSai ha ceduto l'1,97% a 8,19 euro. La compagnia starebbe valutando l'opportunità di velocizzare la dismissione del portafoglio immobiliare per ridurre il peso del Real Estate sul totale degli attivi e al contempo far emergere plusvalenze latenti. La società, infatti, non ha intenzione di svendere il polo Liguria-Sasa. Tale operazione di cessione potrebbe essere portata avanti dal management, solo se non avverrà a sconto. Il mercato non ha preso bene il no comment di Scaroni su un possibile profit warning. "Non commento le indiscrezioni" ha dichiarato l'Ad di Eni (-0,92% a 16,15 euro), Paolo Scaroni, riguardo ai rumors di mercato della scorsa settimana su un possibile profit warning circa un'eventuale revisione della guidance 2010 del colosso oil rispetto alle previsioni degli analisti.

Generali (-0,39% a 15,38 euro) non ha sfruttato le dichiarazioni dell'Ad Giovanni Perissinotto secondo cui il 2010 sarà migliore rispetto all'esercizio precedente. Fiat ha lasciato sul parterre lo 0,68% a 11,64 euro con la pubblicazione dei conti alle porte. Giovedì, infatti, è in programma il Consiglio di amministrazione del Lingotto che esaminerà i dati relativi al terzo trimestre. Un quarter su cui l'Ad Sergio Marchionne ha già dato qualche anticipazione, confermando anche in recenti occasioni una possibile revisione all'insù dei target. Secondo le stime del consenso, Fiat Group dovrebbe chiudere il terzo trimestre con un risultato della gestione ordinaria (trading profit) di 385 milioni di euro (dai 308 milioni di un anno fa) e un risultato netto di 65 milioni (da 25 milioni).
COMMENTA LA NOTIZIA