1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Milano chiude in rosso, non si arresta la corsa di Cir

QUOTAZIONI Cir-Comp Ind Riunite
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La Borsa di Milano, dopo aver passato buona parte della giornata sulla parità, ha ceduto nel finale nonostante i dati sull’industria manifatturiera americana siano risultati sostanzialmente in linea con le attese. Il timore è legato soprattutto alla Grecia e pesano le incertezze sul piano di aiuti al paese ellenico. Il Ftse Mib è arretrato dello 0,51% a 22.785 punti, l’All Share dello 0,53% a quota 23.237.

Cir maglia rosa del paniere principale con un progresso del 2,50% a 1,76 euro. E’ dallo scorso 25 febbraio che i titoli della società della famiglia De Benedetti corrono sul mercato, senza tregua: da quella data, infatti, hanno messo a segno un rialzo di circa il 15%. Cir sta beneficiando della prospettiva di imminente quotazione della partecipata Kos, società attiva nel settore delle cliniche e della sanità. Secondo gli analisti l’azienda vale almeno 250 milioni di euro. Cir detiene il 65,4% di Kos, Morgan Stanley (che è anche global coordinator dell’ipo accanto a Banca Imi,) il 16,4%, il fondo Wise il 6,8% e Santo Stefano Partecipazioni il 9,6%.

Male Enel (-1,85% a 4,12 euro) nel giorno della pubblicazione dei conti che non hanno entusiasmato il mercato. In particolare, gli analisti di UniCredit non percepiscono “particolarmente attraenti” il dividendo (pari a 25 centesimi per azione) né gli obiettivi annunciati. Le indicazioni arrivate da Enel, inoltre, secondo gli esperti di Mediobanca sono in linea con le aspettative (rating confermato ad outperform con prezzo obiettivo a 5,2 euro). Infine, per BofA-Merrill Lynch i dati del nuovo piano sono sotto le stime del consenso a livello di utile netto e di dividendo (giudizio underperform e target price a 3,9 euro).