Milano chiude in moderato rialzo, banche ancora sotto pressione. Stasera le liste del Tesoro -1-

Inviato da Alberto Bolis il Lun, 04/04/2011 - 17:43
Quotazione: UNICREDIT GROUP
Quotazione: INTESA S.PAOLO
La Borsa di Milano ha chiuso la seduta in moderato rialzo con il Ftse Mib che è riuscito a riportarsi sopra la soglia dei 22.000 punti. In una giornata priva di dati macro significativi, l'attenzione degli investitori è già rivolta al meeting della Bce, in programma giovedì. L'Eurotower potrebbe infatti elevare l'asticella dei tassi d'interesse dall'attuale 1% all'1,25%. Si tratterebbe del primo rialzo dal luglio 2009 e riporterebbe i tassi ad un livello che non si vedeva da oltre 2 anni. Le tensioni inflazionistiche, con gli ultimi dati che a livello europeo hanno visto la variabile macroeconomica salire ben oltre il target del 2%, avranno una indubbia influenza nella scelta da parte della Bce. In questo quadro a Piazza Affari il Ftse Mib ha guadagnato lo 0,18% a 22.007 punti, mentre il Ftse All Share è avanzato dello 0,22% a quota 22.736.

Sono ancora le banche a monopolizzare l'attenzione degli investitori. Il Monte dei Paschi è scivolato nelle retrovie del paniere principale con un ribasso dell'1,85% a 0,875 euro: le indiscrezioni si sono fatte più insistenti e dicono che l'istituto di Rocca Salimbeni starebbe valutando un aumento di capitale da 2 miliardi di euro. Un'operazione che il Consiglio di amministrazione del Monte potrebbe approvare entro la metà di maggio. In rosso anche Popolare di Milano (-1,77% a 2,66 euro), Unicredit (-1,66% a 1,718 euro), Ubi Banca (-2,04% a 5,99 euro) e Banco Popolare (-1,03% a 2,11 euro). In controtendenza Intesa SanPaolo che, dopo un inizio sotto pressione, ha recuperato terreno ed ha chiuso con un +0,95% a 2,13 euro. L'altro tema caldo di giornata a Piazza Affari è la composizione del mosaico delle nomine per i colossi pubblici. A mercati chiusi, il ministero dell'Economia ufficializzerà i nomi delle liste che andranno a formare i Cda di Enel, Eni, Poste Italiane, Terna e Finmeccanica.
COMMENTA LA NOTIZIA