1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Milano chiude appena sotto i 20.000 punti, male Telecom e Fiat -1-

QUOTAZIONI Fiat Chrysler Automobiles
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La Borsa di Milano ha chiuso in territorio negativo, recuperando però sul finale dai minimi di giornata. A pesare sul listino meneghino l’andamento di Wall Street, appesantito dalla deludente trimestrale di Goldman Sachs e dai dati di giugno sui cantieri edilizi. Il mercato ha girato le spalle al buon successo delle aste di Madrid, Atene e Dublino. A Piazza Affari il Ftse Mib ha ceduto lo 0,66% a 19.985 punti, mentre il Ftse All Share è arretrato dello 0,69% a quota 20.475.

Fiat è scivolata alla vigilia della pubblicazione della trimestrale, che verrà diffusa da Auburn Hills, quartier generale della Chrysler. Il consensus vede il gruppo torinese in utile per 90 milioni di euro nel trimestre chiuso al 30 giugno, dato che si confronta con la perdita di 179 milioni dello stesso periodo dello scorso anno e di 21 milioni del primo trimestre 2010. Gli analisti vedono un trading profit per 380 milioni (95 milioni per il solo settore auto). Il Lingotto, nonostante il forte rallentamento del mercato auto negli ultimi mesi in scia al termine degli incentivi per l’acquisto di autovetture, dovrebbe comunque confermare la guidance per l’intero 2010, con trading profit nel range 1,1-1,2 miliardi di euro, breakeven a livello di utile e indebitamento netto in area a 5 miliardi. In Borsa il titolo Fiat ha ceduto il 2,06% a 9,05 euro. Male anche Stm (-2,27% a 6,46 euro) in scia alle trimestrali in chiaroscuro di Texas Instruments e Ibm, diffuse ieri sera dopo la chiusura di Wall Street.