1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

A Milano brillano le stelle di Fiat e Eni

QUOTAZIONI Fiat Chrysler Automobiles
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

A Milano, nella seduta di venerdì, sono stati numerosi i titoli che hanno terminato in salita di oltre il 2%. A cominciare da Fiat (+3,50%), che sul finale ha rivisto quota 7 euro, proseguendo così il trend positivo già avviato alla vigilia. C’è attesa per due principali eventi: la scadenza, nel mese di settembre, del prestito convertendo, su cui sono già partite le manovre degli istituti creditori volte a evitare di trovarsi in pancia la maggioranza relativa di Fiat dopo la conversione, nonché il lancio sul mercato della nuova Punto, modello su cui il gruppo fa non poco affidamento. Bene anche i due petroliferi Eni e Saipem, che hanno rimbalzato dopo il rosso dei giorni scorsi, aiutati dalla risalita delle quotazioni del greggio sui mercati delle materie prime. All’interno del gruppo delle migliori blue chip anche Bulgari, che ha effettuato un cosiddetto “rimbalzo tecnico” sfruttando anche il recente rafforzamento del dollaro sul mercato dei cambi, e Mediaset, che potrebbe essere stata spinta da alcune scelte particolarmente azzeccate riguardanti il palinsesto autunnale. Tra i pochi titoli in ribasso, si segnala Bnl, con un calo comunque nettamente inferiore al punto percentuale (-0,19%). Le notizie continuano a ruotare intorno all’offerta pubblica di acquisto (Opa) di Unipol che a breve dovrebbe prendere e il via e i cui dettagli sono già stati presentati in Consob. Questa volta a esprimere dubbi è stata l’Antitrust, che ha preso tempo prima di accordare l’ok all’operazione, chiedendo alcuni approfondimenti alla compagnia assicurativa capitanata da Giovanni Consorte. Sembra che l’Authority abbia intenzione di valutare i potenziali aspetti anti-concorrenziali insiti nell’operazione, anche se, va detto, non è chiamata per legge a deliberare in tema di concorrenza bancaria. Il compito spetta infatti a Bankitalia, che anch’essa nei giorni scorsi ha tergiversato, al fine di richiedere un parere all’Isvap, l’Autorità di vigilamza del mercato assicurativo.