1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Microsoft: tre grandi investitori vogliono depotenziare Bill Gates, in gioco anche la scelta del nuovo ceo

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN
Nuovi venti di cambiamento in casa Microsoft. Dopo l’annuncio dell’imminente addio di Steve Ballmer, ceo storico che per 13 anni ha guidato il colosso di Redmond, emergono pressioni da parte di alcuni azionisti del gruppo per dare una svolta alla strategia aziendale facendo una vittima eccellente. Infatti, secondo le indiscrezioni riportate da The Guardian tre fondi stanno facendo pressione sul vertice del gruppo per togliere poteri al suo fondatore e attuale presidente Bill Gates. I tre investitori influenti sarebbero HighMark Capital, Fort Pitt Capital e ValueAct Capital, che insieme controllano oltre il 5% del capitale di Microsoft. Di contro Gates negli anni ha progressivamente ridotto la sua quota di controllo che originariamente era del 49% e ora detiene solo il 4,5%, risultando comunque ancora il primo singolo azionista.

L’offensiva mirerebbe a depotenziare Gates che secondo i suoi detrattori esercita un controllo sproporzionato rispetto alla sua attuale posizione nell’azionariato e sarebbe da freno ai cambiamenti strategici del gruppo. In particolare si vorrebbe limitare al massimo la sua possibile influenza nella scelta del nuovo ceo che andrà a sostituire Steve Ballmer.

Per il dopo Ballmer si sonda la pista Mulally (Ford)
Intanto sta entrando nel vivo proprio la corsa alla successione  del ceo Steve Ballmer che il mese scorso ha annunciato il suo addio a Microsoft entro 12 mesi. Secondo fonti vicine alla vicenda citate da Bloomberg tra i papabili successori ci sarebbe Alan Mulally, attuale ceo di Ford. Da Detroit hanno però rispedito al mittente queste indiscrezioni facendo sapere che Mulally rimane assolutamente focalizzato nel portare avanti il piano One Ford. Tra i possibili candidati al vaglio del board di Mocrosoft ci sarebbe anche l’ex ceo di Nokia, Stephen Elop.

Il consiglio di amministrazione di Microsoft ha nominato un comitato speciale incaricato di portare avanti il processo per la scelta del successore di Ballmer. Il comitato, che sarà guidato da John Thompsom e di cui farà parte anche il fondatore Bill Gates, valuterà candidati sia esterni che interni.