M&G Investments lancia in Italia un nuovo fondo sulle obbligazioni societarie globali

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

M&G Investments  annuncia la registrazione del nuovo fondo M&G Global Corporate Bond Fund, ora disponibile in tutta Europa. Il fondo è stato lanciato per rispondere alla crescente richiesta dei clienti, desiderosi di diversificare i propri investimenti rispetto al mercato delle obbligazioni societarie investment grade europee.

Il gestore Ben Lord investirà principalmente in temi investment grade dai maggiori mercati del credito mondiali – una rosa di opportunità pari a circa €8 mila miliardi – ma anche sulle obbligazioni high yield e i titoli di Stato. La performance del fondo sarà legata alla combinazione dei temi top-down macroeconomici, con il rischio duration, e la selezione dei titoli bottom-up. Si tratta dello stesso processo comprovato e testato che caratterizza la gestione degli altri fondi M&G sulle obbligazioni investment grade. Sebbene il fondo sia ad alta convinzione e quindi non legato alle indicazioni degli indici, il gestore utilizzerà l’Indice Barclays Global Aggregate Corporate Index (USD Hedged) come riferimento per l’allocazione geografica, valutaria, e settoriale, e per il rischio duration.

Il fondo, lanciato il 5 settembre, è il primo prodotto di M&G sulle obbligazioni societarie globali dedicato agli investitori retail. È stato pensato a seguito di un’indagine sulla base clienti di  M&G che ha rivelato una richiesta crescente per questo tipo di prodotto, in una fase in cui l’universo dei fondi globali sul credito a gestione attiva rimane relativamente ridotto.

La valuta base del fondo è il dollaro USA, a riflettere la divisa dominante dei mercati dei corporate bond globali. L’esposizione al di fuori del dollaro sarà coperta con il dollaro, e la base di investitori europei avrà l’opzione di una classe azionaria euro hedged. 

<b>Un ampio ventaglio di opportunità</b> 

I mercati del credito globali sono vasti sia per quanto riguarda la loro dimensione totale sia per la diversità delle emittenti. L’opinione di  Ben Lord è che il nuovo fondo sia ben posizionato per sfruttare questa ricchezza di opportunità.

Il gestore ha affermato: “Chi investe in questo nuovo fondo ha accesso alle migliori opportunità al mondo in uno dei mercati capitali più grandi a livello globale. Per gestire il fondo mi avvantaggerò delle straordinarie risorse di M&G nell’ambito dell’analisi del credito per vagliare le opportunità che possono portare rendimenti totali per i nostri clienti”.

Il fondo genererà performance attraverso gli stessi metodi comprovati e testati che gli investitori si aspettano da M&G, ma la dimensione assoluta dei mercati del credito globali sicuramente riserva delle possibilità di valore. Una di queste è il fenomeno della preferenza per i mercati domestici, dove le obbligazioni emesse da una società domestica possono avere spread del credito più stretti rispetto a quelle in diversa valuta, a volte semplicemente perché gli investitori domestici si sentono più tranquilli con il credito nazionale. 

“Vogliamo avvantaggiarci di questo fenomeno, tenendo in portafoglio le obbligazioni in valuta che scambiano a livelli convenienti, fintanto che è ragionevole farlo una volta che la valuta sia coperta”, afferma a riguardo Ben Lord, aggiungendo come “al momento abbiamo una posizione leggermente  short di duration e abbiamo un po’ di esposizione al comparto high yield, principalmente attraverso titoli subordinati finanziari di qualità. Il fondo è piuttosto neutro sulle emissioni in dollari USA, che costituiscono circa il 60% dell’universo globale, sovrappeso sulla sterlina e sottopeso di obbligazioni denominate in euro – sebbene ci siano sicuramente opportunità sull’investment grade europeo.”

Jonathan Willcocks, Global Head of Retail Sales in M&G Investments, ha commentato: “Stiamo assistendo a un deciso spostamento da investimenti focalizzati in Europa a investimenti più globali. In Europa il settore è consolidato da tempo, in particolare in Italia e Svizzera, ma la richiesta per l’asset class sta crescendo anche in altri mercati europei, in particolare in Francia, Spagna e Svezia. I clienti vogliono la diversificazione sui bond investment grade che un fondo globale sulle obbligazioni societarie può offrire”.