Metals & mining: Rbs, l’accumulo di scorte cinesi provoca effetti diversi

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Nell’analisi settimanale sul settore minerario e dei metalli, gli analisti di Royal Bank of Scotland (Rbs) equity research sottolineano come il ritorno, all’inizio della scorsa settimana, del Pmi cinese in territorio espansivo abbia rinnovato la fiducia del mercato nella ripresa. L’ex Celeste impero ha continuato ad accumulare ingenti scorte di materie prime, ma con effetti giudicati “sorprendentemente” diversi: se infatti il prezzo del rame ha cominciato a testare il livello dei 4.800 dollari alla tonnellata, i prezzi spot di carbone termale e dei minerali ferrosi sembrano vivere ancora in una fase di letargo.