Metalli Preziosi: Macquarie, l’argento in questo momento è più attraente dell’oro

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

“Molti investitori avevano fatto scorta di oro e di argento prima dell’incontro della Fed del 20/21 settembre, ritenendo plausibile l’adozione di ulteriori misure di allentamento monetario per stimolare la crescita economica statunitense”. Lo sostiene Macquarie nella sua newsletter settimanale sul mondo delle materie prime. Ma con il suo “No Qe3” la Fed ha deluso gli operatori. “Le vendite sui metalli preziosi -si legge nel report- sono inoltre aumentate alla fine dell’ultima settimana quando voci di un aumento dei margini da parte del Cme sul Comex hanno raggiunto i desk operativi”.

Secondo Macquarie “l’argento è ancora più attraente dell’oro, dal momento che il prezzo del metallo semiprezioso è relativamente più economico rispetto a quello dell’oro. Il Gold Silver Ratio ha raggiunto un valore di circa 60 – in concomitanza del quale è corrisposto in passato l’inizio di un periodo di miglior performance dell’argento rispetto al metallo prezioso”. Macquarie riporta infine le dichiarazioni di Jochen Stanzl, analista sul mondo delle commodities per il sito di trading godmodetrader. “Per poter entrare su oro e argento -ha detto Stanzl- questa è una di quelle opportunità che capita solo una volta nella vita. Sui mercati dei derivati sono state abbattute le rispettive quotazioni, mentre rimangono in piedi i principali fattori decisivi per una loro ripresa”.