1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Meta: Centrosim, vantaggioso concambio fusione con Hera

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

L’argomento nozze ha portato fortuna a Meta. Almeno secondo Centrosim. “Data la ancora pendente copertura su Hera, non siamo in grado di giudicare la congruità del concambio, ma questo risulta più favorevole a Meta sia rispetto ai prezzi di chiusura di giovedì scorso sia rispetto al rapporto medio fra i prezzi dei 2 titoli negli ultimi 12 mesi”, spiegano gli esperti della prestigiosa sim in una nota dal titolo indicativo, “Tutte le strade portano a Bologna”, raccolta da Finanza.com. La fusione sull’asse Bologna-Modena avverrà attraverso due fasi. Il primo consiste in un’Opa parziale di Hera sul 29% del capitale di Meta a 2,825 euro. Operazione funzionale alla riduzione della quota del Comune di Modena sostanzialmente al di sotto rispetto a quella detenuta dal Comune di Bologna. Il secondo passaggio consiste invece nella fusione vera e propria, sulla base di un rapporto di concambio fissato a 1,286. Valore a cui si riferiscono gli esperti. Ebbene “l’essere oggetto di acquisizione ha più che compensato il minor appeal derivante da una situazione di svantaggio dal punto di vista industriale. La fusione rappresenta infatti un passaggio fondamentale per Meta perché le consente di confluire in un gruppo di dimensioni ben maggiori, capace di meglio competere sul mercato dell’energia”, sottolineano alla sim. La nuova entità servirà il 70% circa del territorio e della popolazione dell’Emilia Romagna, una fra le regioni più sviluppate a livello nazionale ed europeo. Gli analisti di Centrosim, come già segnalato ieri da Finanza.com, hanno rivisto al rialzo il prezzo target su Meta da 3,3 euro a 3,4 euro confermando il rating buy (titolo da comprare).