1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Rating ›› 

Merrill Lynch è buy sulle banche italiane nonostante taglio eps 2008 e 2009 – 2

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

In particolare gli analisti di Merrill Lynch reiterano il “buy” sulle due più grandi banche italiane, Unicredit e Intesa SanPaolo, poiché “non condividiamo la preoccupazione del mercato legata a un possibile aumento di capitale a causa dell’esposizione alle monoline per quanto concerne la prima e non condiviamo le paure legate al rischio M&A per la seconda”. Nonostante il “buy” la banca d’affari statunitense ha deciso di abbassare i prezzi obiettivo individuati per i due istituti, da 7,4 a 6,8 euro per il gruppo guidato da Alessandro Profumo e da 6,7 a 6,1 euro per quello capitanato da Corrado Passera. Consiglio di acquisto anche su Mediobanca, sull’onda dell’interesse che genererà tra gli investitori il nuovo piano industriale che sta per essere annunciato. Tuttavia scende il target price della merchant bank di Piazzetta Cuccia e passa da 18,8 a 17,4 euro. “Buy” di Merrill Lynch anche sulla Popolare di Milano, che secondo gli analisti è stata eccessivamente punita dal mercato per il nodo della governance. Il target price scende anche in questo caso, da 12 a 10,5 euro per azione.