Il mercato spinge Rcs sotto i 4 euro, ma senza troppa convinzione

Inviato da Redazione il Mar, 15/11/2005 - 13:52
Quotazione: RCS MEDIAGROUP
La tenaglia di Piazza Affari si stringe su Rcs. Il titolo della holding di via Solferino accusa un calo del 2,17%, scambiando sotto la fatidica soglia dei 4 euro, esattamente a 3,97 euro. Il mercato spinge al ribasso l'azione ma senza troppa convinzione: sono infatti passati di mano un milione di pezzi scambiati contro una media giornaliera delle ultime trenta sedute pari a 3,4 milioni di pezzi. Passano le stagioni, ma l'azione che ha caratterizzato l'estate della Borsa milanese continua a tenere banco. Il rebus sul pacchetto di titoli Rcs lasciato in pegno dalla Magiste di Stefano Ricucci alla Banca Popolare Italiana è ancora senza soluzione. E così la volatilità resta alta sull'azione. Anche Divo Gronchi, neo direttore generale dell'istituto di Lodi, ha dovuto prendere provvedimenti: con l'ultima trimestrale ha incrementato di 20 milioni di euro gli accantonamenti a fronte della posizione della Magiste portando il totale a 150 milioni. Dietro le quinte però qualcosa si starebbe muovendo. Secondo indiscrezioni di stampa Pasquale Melito, finanziere capofila del gruppo Memofin, starebbe studiando una proposta per cartolarizzare i crediti di Bpi verso Magiste con l'emissione di obbligazioni convertibili in azioni Rcs. Un piano, che secondo quanto appreso, prevederebbe l'acquisto pro soluto in capo a Memofin della quota Rcs in garanzia a Bpi.
COMMENTA LA NOTIZIA