Mercato immobiliare conferma debolezza, nuova tegola per il Pil americano

Inviato da Redazione il Mar, 18/12/2007 - 15:13
Nessuna particolare sorpresa dal mercato immobiliare statunitense. Nel mese di novembre l'avvio di cantieri per nuove unità abitative ha registrato un calo pari al 3,7% a quota 1,187 mln, dato molto vicino al consensus degli analisti. I permessi di nuove costruzioni, sempre a novembre, sono calati dell'1,5% a 1,152 mln di unità, dato allineato alle attese.
Secondo l'economista di High Frequency Economics, Ian Shepherdson, il mercato immobiliare non fornisce validi segnali per una possibile inversione del trend in atto da alcuni mesi. Secondo l'esperto, l'ulteriore calo nell'avvio di nuovi cantieri dovrebbe tradursi in un freno alla crescita del Pil maggiore di quanto registrato nel terzo trimestre. Secondo l'analista, la ricchezza prodotta nell'ultimo trimestre dell'anno dovrebbe attestarsi ad un contenuto +1%.
COMMENTA LA NOTIZIA