Mercato auto: il Csp lo vede ben impostato

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

I dati delle auto nuove immatricolate a ottobre in Italia fanno ben sperare. Almeno secondo i tecnici del Centro Studi Promotor. “I risultati degli ultimi mesi hanno consentito di ridurre la contrazione a fine ottobre all’1,53% e appare sempre più concreta la possibilità che il 2005 possa chiudersi sostanzialmente sugli stessi livelli del 2004 ossia a 2.265.000 immatricolazioni”, spiegano gli esperti nella nota uscita ieri sera e raccolta da Finanza.com. Tanto che le belle sorprese non dovrebbero essere ancora finite. “In novembre e dicembre dovrebbe infatti manifestarsi pienamente l’effetto del lancio della Grande Punto, che fino ad ora ha generato un alto volume di ordini ma non ha ancora avuto un impatto sulle immatricolazioni adeguato all’importanza del modello. Anche al di là di questo pur importante elemento, la situazione del mercato automobilistico appare ben impostata”, aggiungono. L’interesse dei potenziali compratori resta alto come emerge anche dall’inchiesta congiunturale mensile del Centro Studi Promotor. Ma il fattore che, dopo il giro di boa di metà anno, ha determinato più di tutti l’inversione di tendenza della domanda di autovetture è la positiva evoluzione della congiuntura economica. “Il miglioramento che si è delineato con il dato positivo sul prodotto interno lordo nel secondo trimestre sta trovando conforto nei dati sulla produzione industriale, sul fatturato e sulla raccolta di ordini nell’industria. In settembre e ottobre un ulteriore segnale positivo viene poi da una generalizzata crescita del clima di fiducia sia dei consumatori che degli operatori del commercio, dell’industria e dei servizi”, concludono.

Commenti dei Lettori
News Correlate
BORSA ITALIANA

STM, spinta da conti stellari dell’austriaca AMS

La società austriaca AMS, quotata a Zurigo, uno dei fornitori di chip di Apple, vola in rialzo del 17% circa dopo aver annunciato che dovrà rivedere al rialzo la previsione di lungo periodo sui ricavi, stimati ora in crescita del 30% di media annua n…

BORSA ITALIANA

Titoli di Stato: spread BTp-Bund 10y a 188 punti base

Spread a 188 punti base quando sono da poco passate le ore 13. Il differenziale di rendimento fra il BTp e il Bund a dieci anni è in risalita questa mattina dopo il rally di ieri, innescato dall’esito del primo turno delle presidenziali francesi, in …

BORSA ITALIANA

STM: maglia rosa a Piazza Affari, l’effetto Macron non svanisce

STMIcroelectronics torna a dir la sua a Piazza Affari dove in due sedute ha recuperato parecchio del terreno lasciato scoperto nelle scorse settimane. Il titolo questa mattina è tornato sopra i 14,5 euro e ora registra la miglior performance fra le b…

BORSA ITALIANA

Piazza Affari: prosegua in rialzo, FTSE Mib oltre 20.700 punti

Il tono mantenuto da Piazza Affari quest’oggi è ancora orientato al rialzo. L’indice FTSE Mib prosegue la corsa oltre i massimi da gennaio 2016 intorno alle ore 12.30 ha superato i 20.717 punti con un guadagno dello 0,16%.
Buona la seduta fino ad or…

BORSA ITALIANA

Technogym: titolo aggiorna massimi storici, per JP Morgan vale 5,50 euro

Seduta positiva per Technogym che questa mattina ha aggiornato i top storici a 7,11 euro. Il titolo cavalca l’onda lunga dell’euforia post-elezioni francesi anche se il +55% messo a segno da inizio anno parla di una storia di ottimismo che ora però p…