1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Mercati europei sotto la parità. BCE e BoE sotto i riflettori

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Chiusura sotto la parità per le borse europee in scia della debolezza del comparto delle utilities (-2,4%), delle Tlc (-1,3%) e dell’automotive (-1,57%). A penalizzare quest’ultimo settore è stato il warning lanciato dalla tedesca Schaeffler (-10,87%): la società di componentistica stima un margine Ebit 2017 all’11-12%, contro il 12-13% precedente, mentre il flusso di cassa passa da circa 600 a circa 500 milioni di euro.

Da Sintra, in Portogallo, Mario Draghi ha continuato a difendere la politica ultra-espansiva dell’Eurotower. “La politica monetaria sta riuscendo a costruire pressioni reflazionistiche, ma questo processo è rallentato da una combinazione di choc sui prezzi che arriva dall’esterno, dalla fragilità del mercato del lavoro e da un cambiamento nel rapporto tra debolezza e inflazione. Il recente periodo di bassa inflazione è stato un altro fattore che ha riproposto queste dinamiche”.

“Con l’economia che si rafforza, dovremo essere graduali nell’aggiustare i parametri della nostra politica, al fine di assicurare che le nostre misure di stimoli accompagnino la ripresa in un contesto in cui permangono ancora incertezze”.

Restando in tema di banche centrali, la Bank of England ha annunciato di aver incrementato il Countercyclical Capital Buffer (CCB) sulle esposizioni delle banche britanniche in quota 0,5%. “In mancanza di un sostanziale mutamento dell’outlook, e in linea con una politica caratterizzata da una quota di rischio standard e di movimenti graduali, il FPC (Financial Policy Committee, ndr) prevede di portare il tasso all’1% in occasione della riunione di novembre”, si legge nel Financial Stability Report. Gli istituti della “Perfida Albione” hanno 18 mesi di tempo per istituire uno speciale “cuscinetto”, un buffer, da 11,4 miliardi di sterline per aumentare la loro resilienza in caso di shock.

Il listino londinese, il Ftse100, ha terminato in calo dello 0,17% a 7.434,36 punti, il Dax si è fermato a 12.671,02, -0,78%, il Cac40 a 5.258,58, -0,7%, e l’Ibex a 10.647,90, -0,46%.