I mercati europei aprono l'anno col segno più, salgono gli indici Pmi manifatturieri dell'Ue

Inviato da Floriana Liuni il Lun, 02/01/2012 - 10:09

Inizio d'anno con il segno più per le borse europee, dopo che anche l'ultima seduta del 2011 si era chiusa in territorio positivo, archiviando un annus horribilis per i mercati. Il Dax di Francoforte si attesta al momento sopra il punto percentuale, la borda parigina guadagna circa lo 0,5%, bene anche Madrid con un +0,3%. Piazza Affari avanza dello 0,7%.
A contribuire anche i dati positivi in arrivo dagli indici Pmi manifatturieri dei Paesi europei: in rialzo quello italiano, che a dicembre risulta in progresso a quota 44,3 punti dai 44 del mese precedente. Anche il dato francese a dicembre è risultato in progresso a quota 48,9 punti, meglio della lettura flash che era stata di 48,7 punti. Si tratta dei massimi a 4 mesi. A novembre l'indice risultava pari a 47,3 punti. Il dato tedesco si è invece attestato a in lieve progresso a 48,4 punti rispetto al dato precedente e al consensus fermi entrambi a 48,1 punti.
Complessivamente l'indice Pmi manifatturiero europeo ha visto un rialzo a quota 46,9 punti, in linea con la lettura flash. A novembre l'indice risultava pari a 46,4 punti.
Lo spread tra i titoli di Stato europei e tedeschi si tiene sui livelli di venerdi scorso, in particolare quello dei Btp decennali italiani, dopo aver raggiunto i 524 punti base nelle prime battute di scambio, registra ora 514,4 punti per un rendimento ancora intorno al 7%. A 134,2 il differenziale francese, a 323,9 quello spagnolo e a 1168 quello portoghese.
Attenzione oggi ai titoli legati ai motori: il dato francese sulle nuove immatricolazioni ha mostrato un calo del 18% nel dicembre 2011 rispetto ad un anno prima. Un calo previsto: i produttori di auto francesi, che hanno beneficiato degli incentivi sulla rottamazione, hanno visto a dicembre un calo del 29%, mentre il declino dei produttori stranieri si è limitato al 4,3%. A dicembre -28% per le immatricolazioni Peugeot-Citroen e -28% per il gruppo Renault, che al momento, sulla Borsa francese, registrano rispettivamente un -0,78 e un 1,75%.
In serata è atteso anche il dato sulle immatricolazioni italiane.
Fermi oggi molti mercati asiatici: Giappone, Australia e Cina riprenderanno le contrattazioni il prossimo mercoledi. I mercati aperti, comunque, hanno chiuso in calo, risentendo ancora delle preoccupazioni relative all'area euro. Taiwan ha chiuso a -1,69%, Mumbai a -0,13% mentre Seoul ha chiuso la seduta appena sopra la parità, con un +0,03%, dopo i dati manifatturieri, rivelatisi al minimo da tre anni. Bene i titoli tecnologici, tra cui Samsung e LG, e gli automotive, tra cui Tata Motors e Mahindra&Mahindra, che hanno registrato buone vendite nel mese di dicembre.

COMMENTA LA NOTIZIA