1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Mercati Asiatici : Tante domande, nessuna risposta

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Leggo questa mattina che la Cina auspica che Russia e Georgia possano risolvere il loro conflitto attraverso il dialogo, rifiutandosi così di schierarsi da una delle due parti.

Tutto qui ? “Speriamo che le parti interessate risolvano i problemi attraverso il dialogo e le consultazioni”

Ma la Cina non ha sempre sostenuto a spada tratta la sovranità degli Stati ? Da dove arriva tutto questo ecumenismo ?

Sono costretto ad ammettere che la Cina del dopo olimpiade non è quella che conosco e che probabilmente farei meglio a non fidarmi più nemmeno dei dati di crescita comunicati dal governo cinese. Ma di quali dati mi posso fidare ? Di quelli della IATA che sorprendentemente a luglio ha fotografato un calo dello 0,5% nella domanda passeggeri per i vettori dell’area Asia-Pacifico, in parte attribuibile a un cambiamento nei requisiti necessari per ottenere il visto in Cina, ma che ha anche dimostrato che la debolezza economica si sta allargando ad economie in precedenza robuste.

E poi, perché il paese con le più cospicue riserve al mondo si lascia sfilare le proprie aziende da uno dei paesi più indebitati ?

Proprio ieri la Coca-Cola ha raggiunto un accordo per acquisire la società cinese Huiyuan Juice per 17,9 miliardi di dollari di Hong Kong con l’obiettivo di raddoppiare la propria quota nel mercato cinese dei succhi di frutta.

Il prezzo per i cinesi era decisamente allettante visto che il più grande produttore mondiale di soft drink pagherà 12,20 dollari di Hong Kong per ogni azione del gruppo cinese, ossia il triplo rispetto alla chiusura del titolo in Borsa.

E visto che oltre alle bibite, anche la moribonda borsa cinese è alla frutta, quali saranno i prossimi titoli pronti per finire sulla bancarella con l’offerta 3 x 1, ossia cedi uno e prendi tre ?

Roberto Malnati