M&C: De Benedetti compra ancora a 0,19 euro

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Da un lato Alessio Nati, il finanziere marito di una delle figlie di primo letto dell’attuale moglie di De Benedetti, ha comunicato che non promuoverà alcuna Opa su Management & Capitali, aggiungendo però di aver rilevato, con validità dal 21 agosto, un pacchetto del 5,3%, con possibili ulteriori acquisti di titoli M&C. Dall’altro De Benedetti rastrella un altro 1,3% della società, a 19 centesimi di euro ad azione, salendo al 19,63%, confermando la strategia già delineata nei giorni scorsi: comprare a prezzi rigorosamente superiori a quelli delle due Opa ufficialmente in campo, quella dei Segre (attraverso Mi.Mo.Se) e quella di Giovanni Tamburi (attraverso Tip). L’Ingegnere attribuisce a M&C una valutazione più alta, quindi non aderirà a nessuna delle due Opa. Ieri M&C ha perso il 5,56% (chiusura a 0,17 euro), dopo una corsa in avanti di quasi cinquanta punti percentuali nelle sei sedute precedenti. Un po’ di chiarezza in più potrebbe arrivare giovedì, quando la Consob, che ha acceso i riflettori sulla vicenda chiedendo ai soci dell’azienda un aggiornamento preciso sulle loro partecipazioni, pubblicherà la fotografia precisa dell’azionariato di M&C. Non è escluso peraltro che l’Authority abbia alzato le antenne anche sulla natura reale dei rapporti che, in questa partita, corrono tra De Benedetti e Nati.