1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Mazda, salgono le vendite di luglio con oltre 23.300 auto vendute

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Mazda mette a segno il miglior risultato degli ultimi 14 anni e inverte la tendenza negativa nella vendita di auto che affligge l’Europa. La casa automobilistica giapponese ha venduto nel mese scorso oltre 23.300 vetture con una crescita pari all’5,1%. Ma i dati positivi di luglio, come si legge in una nota della casa automobilistica, non sono un caso a sé stante, ma sono un trend che ha caratterizzato in modo continuativo i primi sette mesi dell’anno del gruppo nipponico nel Vecchio continente. Nei primi sei mesi del 2006 sono stati 11 i mercati che hanno archiviato una crescita a doppia cifra e superano le 184.800 unità le vetture vendute in Europa, quasi 22.000 unità in più (+13,4) rispetto allo stesso periodo del 2005. Tre sono stati i mercati europei che hanno guidato il record di vendite della società automobilistica giapponese: Russia, Spagna e Regno unito, che hanno rispettivamente venduto il mese scorso 3.500, 2.800 e 1.800 unità. Bene anche i dati di vendita nel Nord dell’Europa, dove è stata la Filanda ad aver registrato il miglior risultato con una crescita pari al 61%.

Commenti dei Lettori
News Correlate
SPREAD

Spread Btp-Bund scende a 171 punti base

Lo spread tra il Btp a dieci anni e il Bund tedesco viaggia a 171,1 punti base in avvio di giornata, in leggero calo rispetto ai livelli di chiusura di ieri, mentre il rendimento del bond decennale italiano si attesta al 2,09 per cento….

ASTA BOND

Italia: Tesoro, lunedì prossimo in asta Bot semestrali per 6 miliardi

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha annunciato che nell’asta in calendario lunedì 29 maggio saranno offerti Buoni ordinari del tesoro a 6 mesi per 6 miliardi di euro. Il 31 maggio scadranno Bot di pari scadenza per un importo equivalente.

Ferragamo: titolo maglia nera sul Ftse Mib, cede circa il 5%

Salvatore Ferragamo indossa la maglia nera sull’indice Ftse Mib, dove mostra un ribasso di circa 5 punti percentuali a 26,87 euro, complice il declassamento della Cina deciso da Moody’s. L’agenzia Usa ha tagliato, per la prima volta dal 1989, il rati…