Il maxi dividendo Seat tra 2 e 3 miliardi di euro

Inviato da Redazione il Mar, 12/08/2003 - 12:33
Quale sarà l'entità del dividendo straordinario che la nuova Seat Pagine Gialle pagherà agli azionisti dopo la fusione con Silver (od altra società creata appositamente per quest'operazione straordinaria)? Trovare una stima verosimile è essenziale per capire se il titolo, letteralmente schizzato al rialzo nelle ultime sedute, abbia ancora possibilità di crescita o, al contrario, si sia creata una sopravalutazione ed uno storno è dietro l'angolo. I nodi cruciali sono l'entità del concambio e la quantità di debito che i nuovi azionisti vorranno mantenere dopo il pagamento della maxi cedola. I due aspetti sono strettamente legati: più alta sarà l'entità del dividendo, maggiori saranno i debiti contratti per pagarla. Debiti che resteranno poi in carico alla nuova società, e che non potranno essere molto elevati per evitare effetti negativi sui costi e sulla solidità del gruppo nei prossimi anni.
Si può ipotizzare che il concambio di fusione tra Seat e Silver sia 1:1, e quindi che la base azionaria post-operazione resti immutata a 8,115 miliardi di titoli ordinare. Quest'ipotesi potrebbe essere verosimile in quanto consentirebbe di mantenere forte il controllo sulla società ed attrarre più del 60% del monte dividendi da distribuire. In questo caso, un dividendo straordinario totale di 2,3 miliardi , che abbia un basso impatto sui debiti, equivarrebbe a 0,28 euro azione. Un dividendo ad alto impatto sullo stato patrimoniale, come quello da 3,3 miliardi ipotizzato anche dalla stampa estera, equivarrebbe a circa 0,40 euro per quota. Ai prezzi attuali il titolo, ex cedola, potrebbe valere quindi tra 0,55 e 0,45 euro, un valore nel primo caso vicino ad i prezzi di opa, e su valori quindi vicini a quelli dei maggiori competitor, mentre nel secondo caso Seat sarebbe ancora potenzialmente sottovalutata, almeno nel breve.

COMMENTA LA NOTIZIA