Mattone: Nomisma, prezzi in lieve calo ma compravendite non ripartono

Inviato da Redazione il Ven, 25/03/2011 - 15:10
Prezzi delle case in leggero calo, ma non abbastanza per rilanciare le compravendite e di conseguenza l'intero settore. E' quanto emerge dal primo rapporto 2011 dell'osservatorio immobiliare Nomisma, la fotografia più recente dell'Italia del "mattone" sulle 13 principali aree metropolitane (Milano, Roma, Bologna, a Torino, Napoli, Bari, Cagliari, Catania, Firenze, Genova, Padova, Palermo, Venezia-Mestre) e 13 città intermedie (Ancona, Bergamo, Brescia, Livorno, Messina, Modena, Novara, Parma, Perugia, Salerno, Taranto, Trieste, Verona).
"I fattori che nei primi mesi del 2010 avevano ispirato un eccesso di ottimismo - si legge nel documento - si sono scontrati con dinamiche di mercato particolarmente rigide, che ora disegnano un quadro di stagnazione, destinato ad appesantire ogni previsione". Stando a quanto emerge dal rapporto il calo delle compravendite registrato nel secondo semestre del 2010 (-3,5% rispetto allo stesso periodo del 2009, con punte del -5,5% nei centri urbani minori e del -10% al Sud), che, seppur parzialmente compensato da una buona capacità di tenuta dei mercati urbani del Centro-Nord, porta il saldo annuale ad appena un +0,4% rispetto al 2009. Tra i nuovi elementi "preoccupanti" l'insensibilità delle quotazioni alla progressiva flessione della domanda e, non ultimo, il difficile accesso ai mutui da parte delle famiglie, a causa non dei tassi di interesse (esigui nel corso del 2010), ma dell'atteggiamento severo mostrato dal sistema creditizio, più impegnato a sostenere i mutui dei nuclei oggi in bilico e le imprese in difficoltà, che a concedere nuove operazioni. "Considerata l'ingente mole di invenduto - spiega Luca Dondi, responsabile dell'area immobiliare di Nomisma - e in assenza di una repentina correzione al ribasso dei prezzi, specie delle localizzazioni secondarie e di un allentamento dei criteri di concessione del credito è, infatti, impossibile ipotizzare che l'offerta attuale e prospettica trovi riscontro nelle autonome capacità di assorbimento della domanda".
E le previsioni future non fanno bene sperare. L'osservazione della dinamica media dei valori di compravendita porta infatti a prevedere per il biennio 2011/2012 variazioni di modesta entità sulle quotazioni delle abitazioni (+0,6% per il secondo semestre del 2011; + 1,9% nel secondo semestre del 2012), disegnando anche per il futuro un quadro di stagnazione del settore.
COMMENTA LA NOTIZIA