Materie prime sotto pressione: pesa rafforzamento dollaro

Inviato da Marco Berton il Ven, 09/10/2009 - 19:30
Il timido tentativo di rafforzamento del biglietto verde statunitense sceso oggi in prossimità di area 1,47 rispetto, circa una figura sotto i massimi di ieri, ha un'immediata ripercussione sul prezzo delle materie prime. Il future sul greggio WTI scambia in area 71,7 dollari mentre l'oro si allontana dai massimi storici registrati ieri scambiando in area 1047,8 dollari all'oncia. Tra i motivi del movimento odierno si segnala la lettura relativa alla bilancia commerciale americana diffusa nel pomeriggio e risultata migliore delle attese del mercato.
COMMENTA LA NOTIZIA