1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Valute e materie prime ›› 

Materie prime, nessun allarme se i prezzi scendono (Goldman Sachs)

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La crisi del debito europeo impatta sulla domanda globale di commodity, ma ciò è dovuto piuttosto ad una politica prudente. Lo pensano gli analisti di Goldman Sachs, unici in questo momento a non lanciare grida di allarme sulle materie prime. “Non ci aspettiamo certo crolli nei prezzi ai livelli di fine 2008”, affermano gli analisti, sostenendo che le scorte in ribasso e la domanda da parte di Paesi come l’India siano segnali si ottimismo, e che metalli come il rame, crollato a 3,70 dollari la libbra contro i recenti 4,30, abbia comunque un forte sostegno nei prezzi, poiché questi livelli sono necessari ad incentivare nuovi progetti o a scoraggiare eccessi di offerta.