Materie prime alle stelle: un rischio?

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Quale sarà il tempo di attesa per vedere traslato il vistoso rialzo che sta accompagnando i prezzi di tutte le materie prime ai bilanci delle imprese e da queste alle tasche dei consumatori, sotto forma di aumento dei prezzi dei prodotti finiti venduti al dettaglio? E quanto tempo per vedere reagire le banche centralei di conseguenza, cioè aumentare i tassi di interesse per prevenire ed evitare che la nascente inflazione prenda piede e si infiammi? E quali i rischi per la cara vecchia Europa che, già in difficoltà sul piano della crescita economica, rischierebbe di vedere soffocata l’ennesima (falsa) ripresa, con la conseguenza di sperimentare una stagflazione stile anni ’70 (recessione più inflazione), il peggio che un’economia possa sperimentare. E dire che la causa prima è un fenomeno di crescita vorticosa che coinvolge un quarto circa della popolazione mondiale, quel continente-stato che prende il nome di Cina.

Commenti dei Lettori
News Correlate
BANCHE CENTRALI

Zona Euro: salgono le probabilità di una stretta a marzo 2018

L’allentamento delle tensioni innescato dal risultato del primo turno delle elezioni francesi spinge le probabilità di un incremento dei tassi di Eurolandia a marzo 2018. Secondo le indicazioni in arrivo dai tassi EONIA (Euro OverNight Index Average)…

MACRO

Regno Unito: +1,3% per l’indice Rightmove di aprile

Ad aprile l’indice che misura i prezzi della abitazioni del Regno Unito elaborato da Rightmove ha segnato un incremento mensile dell’1,1%. Nella precedente rilevazione il dato era salito dell’1,3%.

MACRO

Germania: indice IFO sale più del previsto ad aprile

Nel mese di aprile l’indice tedesco IFO, elaborato su un campione di 7 mila operatori economici della prima economia europea, si è attestato a 112,9 punti. Il dato precedente era stato pari a 112,3 punti e gli analisti avevano stimato 112,4.