Market Mover:l’agenda della giornata

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Giornata piuttosto ricca di dati macro. Questa mattina dall’Europa si attende l’indice Zew sulla situazione corrente. Nel pomeriggio l’attenzione sarà invece rivolta Oltreoceano dove verranno diffusi i dati sui permessi edilizi e l’apertura di cantieri edili, oltre che la produzione industriale e maggio. Nel dettaglio:
– Giappone: Boj, decisione tassi a giugno, consensus 0,1%
10.00 Italia: indice prezzi al consumo a maggio (finale), preliminare +0,8% a/a +0,2% m/m
11.00 Eurozona: indice prezzi al consumo a maggio, stima 0% m/m, precedente +0,4%
11.00 Eurozona: Zew aspettative a giugno, consensus 30 punti, precedente 28,5 punti
11.00 Germania: Zew aspettative a giugno, stima 35 punti, precedente 31,1 punti
11.00 Germania: Zew situazione corrente a giugno, consensus -92,5 punti, precedente -92,8 punti
14.30 Usa: indice prezzi produzione a maggio, consensus +0,6% m/m
14.30 Usa: permessi edilizia a maggio, stima 500mila, precedente 498mila
14.30 Usa: apertura cantieri edili a maggio, stima 480mila, precedente 458mila
15.15 Usa: produzione industriale a maggio, consensus -0,9% m/m, precedente -0,5%.
Adobe Systems, Best Buy: risultati trimestrali.

Commenti dei Lettori
News Correlate
MACRO

Stati Uniti: crescita economica ai minimi da tre anni nel Q1

Nel primo trimestre la crescita statunitense si è attestata allo 0,7%, in calo rispetto al 2,1% degli ultimi tre mesi del 2016. Si tratta del dato minore degli ultimi tre anni. Gli analisti avevano stimato un +1,3%.

MACRO

Istat: industria, a marzo prezzi alla produzione a +3,1% a/a

L’Istat comunica che a marzo l’indice dei prezzi alla produzione dell’industria rimane invariato rispetto al mese precedente e aumenta del 3,1% nei confronti di marzo 2016. I prezzi alla produzione dell’industria, sul mercato interno, diminuiscono de…

Inflazione: Istat, ad aprile accelerazione a +1,8% annuo

Ad aprile, stando alla stima preliminare diffusa dall’Istat, l’inflazione in Italia aumenta dello 0,3% su base mensile e dell’1,8% annuo. La variazione tendenziale evidenzia un’accelerazione rispetto al +1,4% di marzo, derivante soprattutto dalla cr…