Market mover: Usa, spesa per consumi e Chicago Pmi attesi in calo

Inviato da Redazione il Ven, 31/10/2008 - 12:18
Fitta l'agenda dei dati macroeconomici in uscita oggi negli Stati Uniti. Si parte alle 13:30 con il dato sulla spesa per consumi a settembre, atteso un dato in calo dello 0,2% m/m. Una contrazione maggiore delle attese potrebbe essere accolta negativamente dal mercato. Infatti la spesa personale in consumi o Pce (Personal Consumption Expenditure) - divisa in consumi per beni durevoli, non durevoli e servizi - è un buon indicatore dello stato di salute dell'economia poiché i consumi rappresentato una larga fetta del prodotto interno lordo statunitense. Alla stessa ora verrà diffuso il dato sul reddito pro-capite a settembre. Il consensus è di un progresso dello 0,2% m/m.
Alle 14:45 sarà il turno del Pmi di Chicago al mese di ottobre, un indice regionale risultante da un'indagine condotta sui direttori d'acquisto di 200 aziende del settore manifatturiero della zona di Chicago. Il consensus è di un calo a 51,5 punti dai 56,7 di settembre. Un suo valore sopra quota 50 punti indica un'economia in espansione mentre un valore inferiore rappresenta una fase di contrazione economica.
Appuntamento infine alle 15:00 per la lettura definitiva dell'indice sulla Fiducia dei consumatori Usa elaborato dall'Università del Michigan relativo al mese di ottobre. E'atteso in flessione a 57,5 punti, in linea con quanto evidenziato dai dati preliminari. L'indice mira a rappresentare con attendibilità la tendenza della spesa per consumi negli Stati Uniti. A valori elevati dell'indice corrisponderanno aspettative positive circa la crescita economica. Al contrario, un calo dell'indice aumenta di norma i timori del mercato relativi alle prospettive dell'economia.
COMMENTA LA NOTIZIA