1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Dati Macroeconomici ›› 

Market mover: produzione industriale attesa ancora in calo a ottobre

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Sono due i dati macroeconomici di rilievo in arrivo dagli Stati Uniti. Il primo, lindice Empire State Manufacturing di novembre, è atteso per le 14:30 a quota -26 dai -24,6 punti di ottobre. Il secondo è la produzione industriale al mese di ottobre (ore 15.15). La lettura è attesa in calo dello 0,2% rispetto al -2,8% della rilevazione precedente. Il dato sulla produzione industriale fornisce importanti indicazioni sullo stato di salute dell’economia americana, in quanto ci dice quanto le fabbriche stanno producendo. Segnala, dunque, l’andamento del settore manifatturiero, che incide per metà sull’intera economia del paese. Se il dato si rivela migliore delle attese solitamente le borse reagiscono positivamente e viceversa.

Commenti dei Lettori
News Correlate
Barometro sullo stato delle attività del distretto

Usa: indice FED Richmond in calo ma sotto le attese

In calo ad ottobre l’indice FED Richmond, barometro che sintetizza lo stato dell’attività del distretto, sceso a 15 punti dai 29 del mese precedente. Il dato è comunque inferiore alle …

MACROECONOMIA

Eurozona: fiducia consumatori in miglioramento a ottobre

La fiducia dei consumatori dell’Eurozona è migliorata a ottobre, attestandosi a -2,7 punti dai -2,9 punti di settembre. Il miglioramento è inatteso. Gli analisti infatti si aspettavano un peggioramento a …

Dati secondo trimestre 2018

Eurozona: rapporto deficit/Pil ai minimi dal 2002

Ai minimi dal 2002, l’anno dell’inizio delle serie storiche comparabili, il rapporto deficit/Pil della zona euro nel secondo trimestre del 2018 quando passa allo 0,1% dallo 0,2% registrato nel primo …

I DATI MACRO PIU' IMPORTANTI DI OGGI

Market mover: l’agenda macro della giornata

L’agenda macro di oggi prevede pochi spunti con la sola pubblicazione nel pomeriggio dell’indice manifatturiero Usa calcolato dalla Fed di Richemond e l’aggiornamento della fiducia dei consumatori nell’Eurozona. Nel dettaglio: …