Market Mover: l’agenda della giornata

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Saranno le Banche centrali le vere protagoniste della seduta odierna. Nel corso della seduta sia la Bank of England sia la Banca centrale europea (Bce) si esprimeranno sul livello dei tassi di interesse. A meno di sorprese dell’ultima ora dovrebbero essere confermate le stime del mercato a 0,5% per la Boe e a 1,25% per la Bce. Oltreoceano si guarderà alle nuove richieste di disoccupazione al 30 aprile e al discorso del presidente della Fed, Ben Bernanke, previsto per 15.30. I mercati giapponesi rimarranno chiusi per festività. Nel dettaglio:
12:00 Germania Ordini fabbrica a marzo +20,10% +15,70% a/a
13:00 Inghilterra BoE annuncio tassi a maggio +0,5% +0,5%
13:45 Europa Bce annuncio tassi a maggio +1,25% +1,25%
14:30 Europa Trichet, Bce: conferenza stampa
14:30 USA Produttività non agricola al I trimestre (preliminare)
14:30 USA Nuove richieste disoccupazione al 30 aprile
15:30 USA Bernanke, presidente Fed: discorso
Giappone Mercati chiusi per festività
Abertis, Adidas, Iberdrola, Italcementi, Kraft Foods, Lufthansa, Societe Generale, Telecom Italia, Tenaris, VIsa: risultati
Eni: assemblea societaria.

Commenti dei Lettori
News Correlate
MACRO

Stati Uniti: crescita economica ai minimi da tre anni nel Q1

Nel primo trimestre la crescita statunitense si è attestata allo 0,7%, in calo rispetto al 2,1% degli ultimi tre mesi del 2016. Si tratta del dato minore degli ultimi tre anni. Gli analisti avevano stimato un +1,3%.

MACRO

Istat: industria, a marzo prezzi alla produzione a +3,1% a/a

L’Istat comunica che a marzo l’indice dei prezzi alla produzione dell’industria rimane invariato rispetto al mese precedente e aumenta del 3,1% nei confronti di marzo 2016. I prezzi alla produzione dell’industria, sul mercato interno, diminuiscono de…

Inflazione: Istat, ad aprile accelerazione a +1,8% annuo

Ad aprile, stando alla stima preliminare diffusa dall’Istat, l’inflazione in Italia aumenta dello 0,3% su base mensile e dell’1,8% annuo. La variazione tendenziale evidenzia un’accelerazione rispetto al +1,4% di marzo, derivante soprattutto dalla cr…