1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Dati Macroeconomici ›› 

Market Mover: l’agenda della giornata

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Giornata piuttosto ricca di dati macro. Questa mattina si attende la produzione industriale in Francia, Gran Bretagna e Italia relativa al mese di gennaio, oltre che la bilancia commerciale della Germania nel primo mese dell’anno. Appuntamento con le banche centrali: la Bce diffonderà il report mensile, mentre la Boe annuncerà la sua decisione sui tassi. Nel pomeriggio l’attenzione sarà rivolta Oltreoceano dove verranno comunicate le nuove richieste settimanali ai sussidi di disoccupazione e la bilancia commerciale a gennaio. In serata, verrà reso noto il deficit pubblico. Nel dettaglio:
08:45 Francia Produzione industriale a gennaio
08:45 Francia Produzione manifatturiera a gennaio
09:00 Germania Bilancia commerciale a gennaio
10:00 Europa Bce: pubblicazione report mensile
10:00 Italia Produzione industriale a gennaio
10:30 Inghilterra Produzione industriale a gennaio
13:00 Inghilterra BoE: decisione tassi a marzo
14:30 USA Nuove richieste disoccupazione al 5 marzo
14:30 USA Bilancia commerciale a gennaio
20:00 USA Deficit pubblico mensile a gennaio.
Banca Generali, Cairo Communication, Cir, Deutsche Post, Eni, Lottomatica, Munich Re, Schroders: risultati.

Commenti dei Lettori
News Correlate
MACRO

Zona Euro: massa monetaria M3 cresce meno delle attese ad aprile

Ad aprile la massa monetaria M3 della Zona Euro è cresciuta del 4,9% annuo. Lo ha annunciato la Banca centrale europea. Il dato è inferiore sia al +5,3% della precedente rilevazione, sia al +5,2% stimato dagli analisti.

Dell’aggregato M3 fanno par…

MACROECONOMIA

Market mover: l’agenda macro della giornata

Inizio di settimana povero di indicazioni, complice la festività in Cina, in Gran Bretagna e negli Stati Uniti. L’agenda macro di oggi prevede le vendite al dettaglio in Spagna e l’indice di fiducia dei consumatori in Canada. Nel dettaglio:
09:00 a…

MACRO

Stati Uniti: fiducia dei consumatori a 97,1 punti a maggio

Nel mese di maggio l’indice di fiducia dei consumatori elaborato dall’Università del Michigan si è attestato a 97,1 punti, dai 97 di aprile. Nella stima flash il dato era risultato pari a 97,7 punti.