Market Mover: l’agenda della giornata

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Giornata ricca di dati macro. Tra i più attesi di questa mattina, l’indice Ifo tedesco e il Pil della Gran Bretagna. Nel pomeriggio verranno diffusi dagli States la fiducia dei consumatori e l’indice dei prezzi case. Nel dettaglio:
– Giappone: Boj, decisione sui tassi, consensus 0,1%, precedente 0,1%
09.30 Italia: Fiducia consumatori a gennaio, stima 113,4 punti, precedente 113,7 punti
10.00 Germania: Indice Ifo aspettative a gennaio, stima 99,1 punti, precedente 99,1 punti
10.00 Italia: Vendite al dettaglio a novembre, precedente +0,5% a/a
10.30 Gran Bretagna: Pil IV trimestre 2009, consensus +0,4% t/t, precedente -0,20%
15.00 Usa: Indice S&P Case-Shiller prezzi case a novembre, stima -5% a/a, precedente -7,3%
16.00 Usa: Fiducia consumatori a gennaio, consensus 53,5 punti, precedente 52,9 punti
16.00 Usa: Indice prezzi case a novembre, precedente +0,6% m/m
16.00 Usa: Richmond Fed Manufact.Index a gennaio, stima 0 punti, precedente -4 punti.
DuPont, Johnson & Johnson, Metro, Novartis, Siemens, STMicroelectronics, Sun MicroSystems, Verizon, Yahoo: risultati trimestrali.

Commenti dei Lettori
News Correlate
MACRO

Stati Uniti: crescita economica ai minimi da tre anni nel Q1

Nel primo trimestre la crescita statunitense si è attestata allo 0,7%, in calo rispetto al 2,1% degli ultimi tre mesi del 2016. Si tratta del dato minore degli ultimi tre anni. Gli analisti avevano stimato un +1,3%.

MACRO

Istat: industria, a marzo prezzi alla produzione a +3,1% a/a

L’Istat comunica che a marzo l’indice dei prezzi alla produzione dell’industria rimane invariato rispetto al mese precedente e aumenta del 3,1% nei confronti di marzo 2016. I prezzi alla produzione dell’industria, sul mercato interno, diminuiscono de…

Inflazione: Istat, ad aprile accelerazione a +1,8% annuo

Ad aprile, stando alla stima preliminare diffusa dall’Istat, l’inflazione in Italia aumenta dello 0,3% su base mensile e dell’1,8% annuo. La variazione tendenziale evidenzia un’accelerazione rispetto al +1,4% di marzo, derivante soprattutto dalla cr…