L'M&A impazza nel settore pharma: dopo Abbott Laboratories, ora anche Johnson & Johnson

Inviato da Redazione il Lun, 28/09/2009 - 12:39

La voglia di alleanze e unioni dilaga nel settore farmaceutico. Abbott è riuscita a spuntarla e ad acquistare la divisione pharma di Solvay, mentre da Oltreoceano è arrivata la notizia che il colosso Johnson & Johnson ha messo le mani su una quota di Crucell. 

Dopo una settimana di fitte indiscrezioni di stampa sollevate dal Wall Street Journal, Abbott Laboratories, una tra le più grandi società farmaceutiche, ha raggiunto un accordo per acquisire la divisione farmaceutica del gruppo belga Solvay, mettendo sul piatto 4,5 miliardi di euro in cash. Ad annunciarlo è stata la stessa Solvay, precisando che reinvestirà il "ricavato" nei settori chimica e delle materie plastiche. .

Stiamo costruendo un gruppo con i mezzi finanziari necessari per accelerare una crescita sostenibile", ha commentato così l'operazione il presidente di Solvay, Alois Michielsen, nella nota. "In anticipo delle future necessità di mercato, stiamo garantendo di avere tecnologie, prodotti, infrastrutture", ha aggiunto l'amministratore delegato, Miles White.

Intanto da Oltreoceano è giunta la notizia che Johnson & Johnson, società farmaceutica multinazionale americana che produce farmaci, apparecchiature mediche e prodotti per la cura personale e l'automedicazione, ha raggiunto un accordo per acquisire una quota pari al 18% dell'olandese Crucell NV. Il prezzo offerto è di 301,8 milioni di euro. L'acquisizione si inserisce nella strategia del gruppo di sviluppare i vaccini anti-influenzali e trattamenti contro malattie.

COMMENTA LA NOTIZIA