1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

M. Hewson: la sterlina affossata dall’esposizione verso Madrid

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

L’euro dopo le vendite di ieri recupera parte del terreno perso in scia delle indicazioni positive arrivate dai Pmi dell’Eurozona. Non sono invece d’aiuto i risultati dell’asta di titoli pubblici spagnoli, che oltre ad aver registrato rendimenti in decisa crescita hanno costretto il Tesoro di Madrid a racimolare meno risorse del previsto.

La lettura preliminare dell’indice della fiducia dei direttori degli acquisti del manifatturiero a dicembre è salito a 56,8 punti dai 55,3 del mese precedente. Il dato è andato oltre le attese che erano ferme a 55,2 punti. Ancora una volta segnali di forza dalla Germania: l’indice Pmi manifatturiero della prima economia europea è salito a 60,9 da 58,1 punti. In flessione invece l’indice Pmi servizi dell’eurozona, che a dicembre risulta pari a 53,7 punti dai 55,4 precedenti (il consensus era 55,2 punti).

Dopo gli avvertimenti di Moody’s e Fitch la Spagna torna ad innervosire gli operatori. L’asta di titoli di Stato di questa mattina ha visto schizzare i rendimenti dei decennali al 5,446% dal 4,615% e quello dei titoli a 15 anni al 5,953%, dal 4,541% dello scorso 21 ottobre. Il Tesoro spagnolo ha piazzato solo 2,4 mld, contro i 3 mld previsti. In questo momento la moneta unica quota 1,3242 dollari e 111,31 yen.

Andamento simile a quello dell’euro anche per la sterlina, che oggi recupera terreno quotando 0,8481 contro euro, 1,5611 dollari e 131,22 yen. Ieri il pound era stato affossato dalla crescita del tasso di disoccupazione ILO dal 7,7 al 7,9% e, come rileva, Michael Hewson di Cmc Markets, “dall’esposizione degli istituti di credito d’Oltremanica nei confronti della Spagna”. Oggi dalla Gran Bretagna arrivato il dato relativo le vendite al dettaglio, salite a novembre dello 0,3% (+1,1% a/a).

Nella seconda parte in arrivo i dati su nuove richieste di sussidio e nuovi cantieri, attesi entrambi in crescita a 425 mila e 550 mila unità. Previsto anche l’aggiornamento sulle partite correnti del 3° trimestre, pronosticate in rosso per 126 mld di dollari. Alle 16 appuntamento invece con l’indice Philadelphia Fed di dicembre (consenso 14,1 punti).