1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

M. Hewson: i dati macro suggeriscono prese di profitto sugli asset considerati a rischio

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Michael Hewson, analista di Cmc Markets, nel suo report sul valutario evidenzia come l’inatteso calo registrato dagli ordini di beni durevoli negli Stati uniti a giugno abbia contribuito a favorire qualche presa di profitto sugli asset più rischiosi; nel Beige Book la Fed ha poi sottolineato il fatto che la ripresa procede incerta zavorrata dal comparto immobiliare e dalla debolezza dei consumi.

La Reserve Bank della Nuova Zelanda ha seguito l’esempio indiano alzando il costo del denaro dello 0,25% per limitare la crescente dinamica inflazionistica; la mossa, rileva Hewson, ha finito per far indietreggiare il dollaro neo-zelandese, colpito dal “compra la voce, vendi la notizia” (“buy on rumour sell on fact”).

Tonica invece la sterlina, a dispetto del tentativo da parte del Governatore Mervyn King di raffreddare i facili entusiasmi dopo l’inatteso +1,1% registrato dal Pil del secondo trimestre. A bilanciare l’eccessiva impostazione da “colomba” del Governatore sono arrivate le dichiarazioni di Andrew Sentance, che ha rimarcato i pericoli derivanti dalla crescita dei prezzi.

I riflettori degli operatori, conclude Hewson, restano puntati sulla stima del Pil statunitense del secondo trimestre, particolarmente attesa dopo le indicazioni positive della earning season. Appuntamento a domani.

Commenti dei Lettori
News Correlate
COLLOCAMENTO AZIONI

OVS: Coin colloca 12,3% del capitale

Gruppo Coin ha annunciato il collocamento (Accelerated BookBuilding) di azioni ordinarie OVS per un massimo di 28 milioni di pezzi, pari 12,3% del capitale. Le azioni saranno collocate presso investitori …

MERCATI

Borse europee chiudono piatte

Borse europee in sostanziale parità in attesa dell’intervento che questa sera il numero uno di Fed, Janet Yellen, terrà al meeting annuale della National Association for Business Economics Annual di …