M. Hewson: l'appetito per rischio all'esame dell'asta spagnola

Inviato da Luca Fiore il Mar, 28/09/2010 - 13:15
Se ieri la moneta unica aveva ritracciato dai massimi a causa del downgrade di Moody's sulla Anglo Irish Bank, con il rating di 1 solo notch sopra il livello spazzatura, oggi l'attenzione degli operatori è focalizzata sull'asta spagnola, che secondo Michael Hewson, analista di CMC Markets, "rappresenta un antipasto per testare l'appetito per il rischio in vista della presentazione dei bilanci 2011 da parte della stessa Spagna e della Francia".

Hewson rileva che la moneta unica contro dollaro "non è stata in grado di superare quota 1,3510, 50% del ritracciamento di Fibonacci nel range 1,5145/1,1880, nonostante il massimo toccata ieri a 1,3506". E ancora "l'area rimane una barriera verso 1,3895 (61,8%). Sotto questa resistenza il rischio è di scendere verso la media mobile a 200 giorni a 1,3200, superata la quale si andrebbe a testare 1,3".

Per quanto riguarda il Giappone Hewson rileva come il mercato "sembrerebbe in attesa di un catalizzatore che rafforzando lo yen costringa la Banca centrale giapponese ad intervenire, anche perché a questo punto l'unico dubbio degli operatori riguarda quando la BoJ interverrà".
COMMENTA LA NOTIZIA