1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

M. de Michelis: se i mercati vanno all’asilo

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

“Se c’è una cosa che mi spaventa è quando i mercati si comportano come i bambini dell’asilo e diventano prevedibili”. È quanto si legge nel Punto Mensile a cura di Michele de Michelis, responsabile degli investimenti di Frame Asset Management. “Per coloro che non avessero bambini, è utile ricordare -continua de Michelis- che tendono a comportarsi in maniera abitudinaria salvo poi cambiare repentinamente per i più svariati motivi”.

“Nell’ultimo Punto, speravamo che i policymakers facessero il loro dovere e fortunatamente questo è avvenuto. E adesso cosa accadrà? Tutti sanno che Draghi ha messo una put sui mercati e difficilmente ci sarà il desiderio di testarla”. “Probabilmente -continua l’esperto- assisteremo ad un rally di fine anno per molti risky asset che potrebbe diventare interessante qualora venissero rotti al rialzo i massimi relativi di marzo (per gli amanti dell’analisi tecnica questo livello è sicuramente un test), anche se presumo si dovrà aspettare l’elezione del Presidente Usa almeno per avere un’idea del tipo di fiscal cliff che verrà attuato”.

Commenti dei Lettori
News Correlate
MERCATI

Chiusura di ottava di poco sotto la parità per le borse europee

Grazie a un miglioramento nella seconda parte innescato dalla revisione al rialzo del Pil statunitense del primo trimestre (+1,2%), i listini europei riducono le perdite e chiudono la settimana di poco sotto la parità.

A Londra il Ftse100 ha term…

WALL STREET

Borse Usa partono deboli, l’outlook spinge Big Lots

Dopo aver aggiornato i massimi storici, Wall Street parte debole in vista del weekend lungo a causa del Memorial Day (lunedì prossimo mercati chiusi). Nei primi scambi il Dow Jones segna un rosso dello 0,07% mentre S&P500 e Nasdaq scendono entrambi d…

MERCATI

Banche e oil continuano a penalizzare le borse europee

Rosso di mezzo punto percentuale per l’indice Stoxx 600, penalizzato dalle vendite che stanno colpendo il comparto bancario (-1,31% per l’indice di riferimento), gli energetici (-1,16%) e l’automotive (-0,99%).

All’indomani del meeting dell’Opec …