1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Luxottica, i ribassi delle ultime sedute potrebbero segnare l’inizio del ritracciamento

QUOTAZIONI Luxottica Group
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Segno meno anche quest’oggi per Luxottica, con il titolo che al termine della mattinata lascia sul terreno quasi un punto percentuale. Dopo aver toccato i massimi storici a 32,40 euro lo scorso 5 dicembre, l’azione del gruppo di Agordo ha inanellato una serie di 5 sedute consecutive con i prezzi in ribasso. Con oggi diventerebbero 6. Il quadro grafico di fondo permane improntato al rialzo, tuttavia la lieve correzione delle ultime sedute ha portato le azioni a scambiare in prossimità di una delicata soglia supportava. Il riferimento è al transito in area 30,87 dei supporti dinamici espressi dalla trendline ascendente tracciata con i minimi crescenti del 24 ottobre e del 16 novembre. Proprio nel corso della mattinata detta linea di tendenza è stata testata, arginando, almeno per il momento, le pressioni ribassiste dei venditori. Questa mattina è stato inoltre generato un segnale di vendita con l’incrocio negativo dall’alto verso il basso dei supporti dinamici forniti dal transito a 30,99 euro della media mobile esponenziale di breve. Sia martedì che mercoledì i minimi intraday erano stati segnati in corrispondenza del transito della media mobile menzionata. Se dunque eventuali chiusure sotto la trendline ascendente citata in precedenza farebbe scattare la possibilità di implementare una strategia short strutturata con la vendita del titolo a 31 euro, con stop posto a 31,90 euro e target a 30,05 euro e 29,30 euro, anche un veloce rimbalzo del titolo favorito proprio dalla trendline ascendente transitante in area 30,87 euro potrebbe permettere di valutare con favore l’implementazione di una strategia short. A spingere verso questa considerazione contribuisce fattivamente la candela del 5 dicembre scorso, classico pattern che nell’analisi tecnica indica un rigetto dopo il tentativo di prosecuzione dell’up trend. In questo secondo caso, la vendita del titolo può essere ipotizzata in caso di un ritorno delle quotazioni nell’intervallo 31,50/31,60 euro. Con stop posto a 32,60, il primo target si avrebbe a 29,80 euro mentre il secondo a 28,40 euro.