1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Il lunedi’ di Piazza Affari e’ scandito dalle vendite

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Se si ignora la performance negativa di venerdì scorso, erano sei settimane che il mercato viaggiava con decisione in area positiva. Tanto che, come evidenzia Nicolò Foscari, gestore di Credit Suisse asset management, ci si aspettava una notizia che costituisse un po’ la “scusa” per virare al ribasso. La scusa è stata quella della corsa delle quotazioni del petrolio, corsa che non dà segno di placarsi e che dovrebbe proseguire ancora almeno per questa settimana. “La corsa del greggio, che è trattato in dollari, pesa in modo particolare sulle società europee, in previsione di un rafforzamento della valuta statunitense”, spiega Foscari. “La nostra view”, prosegue il gestore “è che la correzione che sembra avere preso il via sui mercati possa continuare, perché Wall Street risulta cara”. “Va comunque detto”, aggiunge Foscari “che sui mercati azionari c’è molta liquidità, grazie al fatto che il dividend yield è più allettante rispetto al rendimento offerto dalle obbligazioni”. E la correzione a Piazza Affari prosegue senza dubbio. Il Mibtel ha infatti terminato la sessione di lunedì a quota 24.280 punti, in secco calo dello 0,95%, mentre l’S&P/Mib ha ceduto l’1,01% collocandosi a 31.734 punti.