1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Lottomatica, lo short è una scommessa che costa poco

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

L’ottimo avvio di Borsa della nuova ottava del Ftse Mib contribuisce a sostenere anche le quotazioni di Lottomatica, con il titolo che dopo la brusca flessione matita venerdì scorso si è così rapidamente portato in prossimità dei valori di inizio seduta del 28 settembre. Il rimbalzo in atto potrebbe rappresentare un’interessante opportunità per implementare una strategia short dallo stop limitato. A far propendere per questa evenienza contribuiscono molteplici aspetti grafici. Il più significativo è rappresentato dal fatto che l’allungo iniziato dai minimi di inizio giugno ha spinto le quotazioni in prossimità delle coriacee e solide resistenze statiche di area 17,50 euro. Si tratta di una soglia lasciata in eredità dalle quotazioni assunte dal titolo a fine novembre del 2008 e dai massimi di periodo dell’ottobre del 2009. Definitivamente violata al ribasso in occasione della battuta d’arresto maturata l’8 gennaio 2009, la soglia in esame non è stata più oltrepassata al rialzo se non in occasione del massimo intraday dell’11 settembre scorso. In quell’occasione il titolo segno un top di giornata a 17,59 euro. Oltre a questo importante elemento grafico, l’azione ha dato ulteriori indicazioni di una possibile correzione, almeno nel breve, nelle ultime settimane. Nello specifico, lo scorso 14 settembre il titolo ruppe al ribasso i supporti dinamici espressi dalla trendline ascendente tracciata con i low del 5 giugno e del 23 agosto. Questa linea di tendenza ha mostrato in pieno la propria strategicità proprio nell’ultima decade di agosto: a cavallo tra il 23 e il 30 agosto l’azione ha testato quotidianamente con i minimi di giornata i supporti della linea di tendenza. In base agli elementi emersi nel corso dell’analisi e considerando che il pull back della trendline appena menzionata è già avvenuto, ipotizzare l’implementazione di una strategia short non appare del tutto incongruente con l’impostazione tecnica. Partendo da questo presupposto, chi volesse posizionarsi in vendita sul titolo potrebbe farlo a 14,40 euro. Con stop che scatterebbe a 17,80 euro, il primo target si avrebbe a 16,60 euro mentre il secondo a 15,70 euro.