Londra peggior Borsa europea, male bancari e minerari

Inviato da Redazione il Mer, 14/01/2009 - 10:39
Quotazioni in calo alla Borsa di Londra dopo un avvio in lieve rialzo. L'indice Ftse 100 cede l'1,24% a quota 4.344 punti. Forti vendite su alcuni bancari, in primis Hsbc (-8,55%) dopo che Morgan Stanley, in un report uscito oggi, ha previsto per la prima banca mondiale la non distribuzione del dividendo e il possibile ricorso a un maxi-aumento di capitale da 30 miliardi di dollari. Lettera anche su Barclays (-6,87%) e Rbs (-3,72%).
Comparto delle risorse di base in affanno anche oggi complice anche la view negativa espressa oggi da Citigroup. Tra le big spiccano i ribassi di Bhp Billiton (-2,93%), Rio Tinto (-2,57%) e Xstrata (-2,63%) e Antofagasta (-2,50%). Il broker statunitense ritiene che la debolezza della domanda di commodities si protrarrà per tutto il 2009 e tra i principali testimonial si dovrebbe avere un'elevata divergenza di performance con le compagnie con flessibile struttura del capitale, elevato cash flow e margini sostenibili che riusciranno a sovraperformare. Giudizio "buy" confermato su BHP Billiton, Vedanta, Kumba, Rio Tinto e Fresnillo. Raccomandazione "sell" invece per Antofagasta (bocciata da "buy"). Tra le bocciate figurano anche Anglo American, Xstrata, Kazakhmys, First Quantum e RandGold, sulle quali la raccomandazione è scesa da "buy" a "hold".
COMMENTA LA NOTIZIA