Listini europei deboli, in rialzo il comparto auto

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

In un contesto europeo di debolezza generalizzata, con Londra che ha chiuso in calo dello 0,15%, Francoforte che ha registrato un -0,2%, Parigi che ha lasciato sul campo mezzo punto percentuale e Milano che ha visto arretrare il Ftse Mib dello 0,62%, spicca il +0,37% registrato dall’indice Stoxx Europe 600 Optimised Automobiles & Parts, che copre le aziende del comparto auto in 16 Paesi europei.

Sul listino francese particolarmente toniche Peugeot e Renault, che si portano rispettivamente a casa il 3,94% ed l’1,82%. La prima si è mossa in sia della promozione arrivata dagli analisti di Morgan Stanley a “overweight”, mentre la seconda ha beneficiato delle misure messe in campo dalla Bank of Japan per frenare il superyen, provvedimenti che dovrebbero favorire le vendite della partecipata Nissan.

A Milano segno più per Fiat, che ha chiuso in rialzo dello 0,58% salendo a 10,440 euro. Per domani è in programma l’Assemblea del Lingotto che sancirà la separazione del business auto dalle altre attività. Per il gruppo italiano particolarmente atteso anche il ritorno negli Stati Uniti, che avverrà con lo sbarco della Fiat 500.

Commenti dei Lettori
News Correlate

Wall Street si muove incerta dopo dato deludente Pil

Wall Street si muove incerta dopo il deludente dato sul Pil che nel primo trimestre è cresciuto al ritmo più debole degli ultimi tre anni. L’indice Dow Jones scivola dello 0,12%, l’S&P500 segna un -0,06% e il Nasdaq sale dello 0,08%. …

USA

Wall Street: scambi misti sul mercato futures dopo Pil deludente

Futures misti sulle piazze americane dopo la pubblicazione del dato sul Pil annualizzato del primo trimestre 2017. L’economia statunitense è cresciuta al ritmo più debole degli ultimi tre anni nei primi tre mesi dell’anno. Questa dinamica è stata det…

MACRO

Stati Uniti: crescita economica ai minimi da tre anni nel Q1

Nel primo trimestre la crescita statunitense si è attestata allo 0,7%, in calo rispetto al 2,1% degli ultimi tre mesi del 2016. Si tratta del dato minore degli ultimi tre anni. Gli analisti avevano stimato un +1,3%.

Russia: banca centrale taglia i tassi al 9,25%

La banca centrale russa ha deciso di tagliare il tasso chiave portandolo dal 9,75% all’attuale 9,25 per cento. I mercati si attendevano un taglio, ma stimavano una discesa al 9,50 per cento. “L’inflazione si sta muovendo verso il target fissato, le a…