1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Listini europei contrastati nel finale

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Chiusura debole per i listini del vecchio continente appesantiti dalla debolezza del comparto tecnologico e delle telecomunicazioni. Il crollo della francese Alcatel (-9%) che ha lanciato un profit warning per i risultati del quarto trimestre del 2006 ha frenato l’intero settore. L’indice delle blue chip europee (Dj Stoxx) ha chiuso la seduta praticamente invariato (+0,13%), a quota 3762 punti.
A Londra, l’indice Ftse ha terminato a quota 6225 punti, (+0,12%). In evidenza, tra le blue chip, Smith&Nephew (+1,68%) e Vedanta (+1,3%). Maglia nera del listino inglese Tate & Lyle (-15,66%), seguito dal produttore di zucchero Sabmiller (-2,02%).
L’indice tedesco Dax ha invece terminato a quota 6678,93 punti, (-0,13%). In evidenza, tra le blue chip, Man (+2,28%) e Sap (+2,05%) grazie alla promozione incassata dagli analisti della Morgan Stanley che hanno alzato la loro raccomandazione sul titolo ad “overweight” dalla precedente “equalweight”. Peggior titolo del listino di Francoforte Deutsche Post (-1,76%), seguito da Tui (-1,21%). A Parigi il Cac40 ha terminato a 5575 punti, (-0,08%). Tra le blue chip del listino francese, in evidenza oggi L’Oreal (+3,64%) e Mittal Steel (+2,34%). Pecora nera a Parigi Alcatel(-8,49%), seguita da Gaz De France (-2,79%).